L’Etna torna in attività con una spettacolare eruzione

eruzione etna febbraio 2021

Tra fontane di lava incandescente, pennacchi di fumo e una pioggia di ceneri e lapilli, l’eruzione Etna del 16 febbraio 2021 regala alla Sicilia orientale uno spettacolo senza uguali.

ll violento parossismo dell’Etna riportato dalle cronache nazionali, si è sviluppato ieri pomeriggio, 16 Febbraio 2021 dal nuovo cratere di Sud-Est.

Una spettacolare eruzione che ha generato suggestive fontane di lava incandescente, un’impressionante colonna di fumo alta un chilometro e una pioggia di lapilli e cenere giunta fino alla città di Catania,  fortunatamente senza arrecare danne a case persone.
L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) ha segnalato l’emissione lavica lungo la parete occidentale della Valle del Bove, dove il fronte lavico ha raggiunto la quota di circa duemila metri sul livello del mare.
A causa della colonna di fumo e cenere, l’aeroporto internazionale di Catania ha sospeso le attività. Il pennacchio di fumo non consente infatti di garantire la sicurezza dei voli.
Secondo i tecnici e i ricercatori dell’Osservatorio Etneo, il vulcano era monitorato già da lunedì scorso visto l’intensificarsi dell’attività esplosiva.

L’eruzione dell’Etna avvenuta in concomitanza con il tramonto, ha regalato due ore mozzafiato alla Sicilia orientale e alla Calabria meridionale.
L’immensa nube vulcanica con la luce del tramonto si è tinta dei toni dell’arancio: uno spettacolo senza uguali visibile da oltre centro chilometri di distanza.

17/02/2021
Sabrina Chirico